Devitalizzazione dente e dolore: cause e rimedi

27/07/2018

Quando i denti sono gravemente danneggiati da carie o da altre patologie che intaccano la parte più profonda del dente, si interviene con la devitalizzazione in modo da preservare il dente ed evitare un’eventuale estrazione. 
Dolore durante la masticazione, sensibilità al caldo e al freddo, gonfiore sono sintomi evidenti di un’infezione in corso e campanelli d’allarme per prenotare una visita di controllo dal dentista.

Cos’è la devitalizzazione?
Tecnicamente, la devitalizzazione è un intervento chirurgico di endodonzia, ovvero di quella branca dell’odontoiatria specializzata nei tessuti interni dei denti quali radici e camera pulpare. Benché si tratti di un’operazione di routine fatta in studio, rimane comunque un intervento complesso per via della serie di passaggi che devono essere eseguiti.

Anzitutto, il dentista procede allo svuotamento della polpa dentale e dei canali disinfettandoli accuratamente. Successivamente sostituisce la polpa dentale con un amalgama particolare, e sigilla i canali in modo da proteggere il dente da eventuali infezioni. 

Il dente devitalizzato provoca dolore?
Generalmente, la paura più grande per chi si sottopone a un intervento di devitalizzazione è quella di sentire dolore. In realtà, grazie all’anestesia, il dolore percepito è praticamente nullo.

Non c’è nulla di cui allarmarsi se, dopo l’intervento, senti il dente più sensibile o pulsare. È assolutamente normale che il dente devitalizzato sia ipersensibile o che provochi dolore sotto pressione, per esempio durante la masticazione. Mangia cibi liquidi o morbidi ed evita quelli troppo caldi o troppo freddi. Il dolore si attenuerà nel giro di qualche giorno. 

Se invece il dolore persiste e la guancia si gonfia è opportuno fare una visita di controllo dal dentista.

Rimedi per curare il dolore
Per attenuare il mal di denti causato dalla devitalizzazione puoi ricorrere a rimedi naturali come applicare un po’ di ghiaccio sulla zona interessata, oppure assumere un antidolorifico. 
Se il dolore ai denti persiste, rivolgiti al tuo dentista. In alcuni casi può essere necessario ricorrere a un antibiotico. Il dentista ti prescriverà quello più adatto al tuo caso. 



Contattaci per informazioni